Reportage dal nostro capodanno

So che l’ideale di serata di fine anno per la maggior parte delle persone è mettersi in ghingheri per andare a cena fuori, mangiare, ballare peppepereppeppe peppepereppeppe…  sbronze fino al mattino.
A me è sempre piaciuto cenare tra amici, cucinare ognuno qualcosa e poi solo poi andare a ballare.
So che molte mamme lasciano i bimbi dai nonni e passano il capodanno come vogliono e non le giudico, ma per me non c’è festa senza di lui, ovunque sono continuo a pensare a come vivrebbe lui quella situazione, che direbbe, che farebbe. Che ci posso fare?
Così anche il capodanno per me è diventato molto meno frenetico..
Quest’anno abbiamo deciso di cenare a casa degli zii noi quattro e i due cuccioli, Fili e la cuginetta di quasi un anno. So che penserete “che tristezza, una sera come tante altre” e invece non è così. Primo perché non abbiamo tante occasioni di stare insieme, secondo perché io e mia sorella non abbiamo discusso neanche per un momento e questo conferma la magica tendenza già intravista nel 2010 di un rapporto finalmente aperto e sincero (e su questo penso che le nostre rispettive maternità abbiano fatto il miracolo). Terzo perché in una serata qualunque non mangiamo così tanto e quarto perché quando stiamo insieme, sereni e rilassati, noi quattro, viviamo dei momenti speciali. Ed effettivamente anche questa volta è rivelata una scelta azzeccatissima: i bimbi sono stati liberi di fare quello che volevano compreso cucinare, correre, dormire, girare in moto!

Noi ci siamo goduti la splendida cenetta e una altrettanto gradevole compagnia. Ci siamo messi a tavola alle 20.30 per terminare quasi a mezzanotte. Il menù è stato il seguente:
Antipasti
Bruschettine con salsa di olive, peperoni piccanti e paté di salmone.
Filetti di salmone fresco affumicati all’arancia
Melanzane grigliate
Crostini con le alici
Focaccia
Ciliegine di mozzarella
Vongole veraci in umido
Primo piatto
Pennette al salmone
Secondo piatto
Spigole di mare di 1,1 kg ciascuna alla brace
Contorno
Insalata canasta con rucola e arancia
Dolce
Tiramisù fatto in casa
Panettone
Torrone
Vino (Rigorosamente abruzzese)
Passera delle vigne Lepore
Montepulciano Lepore
Pecorino Collemaggio

Non ho rinunciato all’idea della pizza e con l’aiuto di Filippo, una meravigliosa margherita ha fatto il suo ingresso tra gli antipasti per la gioia di tutti!

Questo post partecipa alla sfida di Mamma Papera.

11 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *