Intelligenza emotiva per un figlio e Che rabbia! – un venerdì del libro all’insegna delle emozioni

Questa settimana un libro per le mamme e un libro per i bambini.
Il tema è lo stesso, più o meno: la comprensione, l’accettazione e la gestione di emozioni negative.

Sto leggendo “Intelligenza Emotiva per un figlio” di John Gottman e ho idea di condividere con voi qualche riflessione man mano che lo leggo, se vi va compratelo o fatemi sapere che lo avete letto così ne parliamo insieme e ci confrontiamo.
Per chi non lo conosce vi dico brevemente di cosa si tratta: stiamo parlando della capacità di gestire le proprie emozioni, di controllarle e della possibilità di acquisire, coltivare e perfezionare questa capacità. Non solo, ma un genitore, attraverso l’empatia può diventare un buon allenatore emotivo per suo figlio, insegnandogli a non farsi sopraffare dalle emozioni, bensì a riconoscerle e gestirle. E questo non solo allo scopo di gestire i conflitti in famiglia o di ridurli se possibile, che già non sarebbe poco, ma soprattutto perché i figli emotivamente allentati hanno maggiori possibilità di successo nella vita: hanno rapporti migliori con gli amici, minori problemi comportamentali e sono meno soggetti a reazioni violente. Anche i figli emotivamente allenati sono tristi, si arrabbiano in situazioni difficili, ma hanno una maggiore capacità di ritrovare la calma e di riprendersi dalle delusioni.
Qual è la ricetta? Ancora non lo scopro, ma il punto di partenza è il rispetto per i sentimenti dei propri figli, l’empatia ovvero il sentire quel che sentono loro, il rispetto da ambo le parti come base della comunicazione tra genitori e figli. Questo non significa che i genitori non devono esercitare alcuna disciplina nei confronti dei loro figli, porre dei limiti va bene, è necessario, ma mentre non tutti i comportamenti sono accettabili, tutti i sentimenti lo sono. I genitori devono porre limiti agli atti dei figli, ma non alle loro emozioni o ai loro desideri.


Per i piccoli Che rabbia! di di D’Allance Mireille Ed. Bababibri

Roberto ha passato una bruttissima giornata e quando arriva a casa proprio non gli va di obbedire al papà…in più per cena ci sono gli spinaci!! Nella sua camera, Roberto sente la rabbia che sale, sale, sale fino a quando…questa si materializza ed esce fuori all’improvviso!
Roberto capirà sulla sua pelle quanto questa emozione possa essere spiacevole….
La storia colpisce molto i bambini che, vivendo questa emozione, si identificano con Roberto.
L’autrice, con semplicità e bravura, dona un volto alla rabbia rendendola un’emozione riconoscibile e gestibile ed insegna ai bambini che è naturale arrabbiarsi e vivere il sentimento della rabbia, ma bisogna anche imparare a rimettere, poi, tutto a posto…

BUONA LETTURA!

Tutti i nostri venerdì del libro.
La biblioteca di Filippo

16 Comments

  • Micaela ha detto:

    Sembra sempre tutto così semplice… e non lo è affatto!

  • MadreCreativa ha detto:

    Il primo libro è proprio per me che non riesco a controllare emozioni negative, quando il mio bimbo è inappetente a pranzo per più giorni!
    Grazie per la segnalazione!

  • MO:) ha detto:

    Il primo libro mi sembra proprio interessante, lo leggerò e ti farò sapere.
    Il secondo ho visto che l’hanno preso alla materna, ma non so se l’hanno già letto.

  • serenamanontroppo ha detto:

    Proposte, come sempre, molto interessanti…credo che li acquisterò!

  • sly ha detto:

    adoro entrambe i libri..il primo lo uso spesso quando devo fare le riunioni con i genitori..fantastica!

  • MammaMoglieDonna ha detto:

    @sly: ti va di dirci come lo usi? Credi che sia un valido supporto per una mamma che voglia imparare a gestire le emozioni negative e poi abbia la pretesa di insegnarlo a suo figlio?!
    Che età hanno i bambini cui insegni?

  • mammozza ha detto:

    Il primo non lo conosco, mentre il secondo l’ho regalato al figlio di una mia cara amica, ha delle illustrazioni bellissime.

  • Stefania ha detto:

    E’ importante soffermarsi su tematiche come queste. Spesso si sottovaluta l’aspetto emotivo della crescita dei nostri figli dando molto per scontato… Credo che me li procurerò tutti e due, questi libri. Di recente i miei bimbi hanno letto un paio di volumi sulle emozioni, sugli stati d’animo e sulle sensazioni. A volte non è facile spiegare loro determinate situazioni ma con il linguaggio giusto e delle belle immagini si può avere un ottimo aiuto da libri così!

  • mimangiolallergia ha detto:

    Entrambe da leggere direi, del primo ho sentito molto parlare, anche se l’idea non è nuova, ne avevo già sentito parlare ai tempi dell’università… il secondo mi serve urgentementeeeeeeeee

  • sly ha detto:

    scusa..non ero ripassata a leggere il commento..io lavoro nella scuola dell’infanzia da 17 anni con bimbi dai 3 ai 6 anni..lavoro molto con i genitori, facciamo spesso colloqui individuali e puntiamo sempre sull’emotività dei bambini..soprattutto così piccoli sanno esprimersi grazie alle loro emozioni soprattutto quelle negative…esse sono sempre un messaggio; è un loro modo di comunicarci qualcosa..e noi adulti siamo in dovere di metterlsi al loro livello ed ascoltarli…comprenderli, aiutarli a verbalizzare l’emozione..se si fa da piccoli è più faciel da adolescenti..interessante anche il libro “genitori efficaci 2 di thomas Gordon..il testo che hai proposto tu con quello che ho suggerito io (assieme ad “insegnanti efficaci” sono stati illustrati e trattati in un corso di formazione che ho segiuto tempo fa…scusa gli errori e la velocità ma devo correre a scuola dai miei bimbi!

  • MammaMoglieDonna ha detto:

    @sly: tranquilla, grazie di essere passata ora. Spero che mio figlio trovi un’insegnante attenta e preparata come te! Grazie

  • MammaMoglieDonna ha detto:

    @mammmozza: infatti le illustrazioni sono molto d’effetto!
    @Stefania: Brava Ste’, così poi ci confrontiamo! Mi dici quali libri hanno letto i tuoi bimbi, mi interessano sempre.
    @mimangiolallergia: bene! Contenta di esserti stata utile!

  • Anonymous ha detto:

    Mio figlio a scuola fa la diadttica delle emozioni che è un nuovo modo per educare alle emozioni secondo l’educazione emotiva di Ulisse Mariani e Rosanna Schiralli. Ne sapete qualcosa? A noi sembra già di raccogliere i frutti. Abbiamo fatto anche degli incontri per i genitori, tipo scuola. Molto molto interessante.

    Elisabetta Cagliari

  • MammaMoglieDonna ha detto:

    Ciao Elisabetta, mi piacerebbe approfondire l’argomento, se ti va puoi scrivere qualcosa anche un bel post e lo pubblico sul blog col tuo nome. Mi piacerebbe sapere cosa fanno i tuoi bambini a scuola e se hanno dei libri di supporto, li prenderei volentieri. Ti aspetto!

  • Sab ha detto:

    Ciao, hai visto il libro con dvd “La scatola delle emozioni” ? Cosa ne pensi? Ciao grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *