Le prime paroline – un libro e tanti ricordi!

Oggi vi racconto di un libro per i piccolini: le mie prime paroline
Non so quante di voi hanno bimbi che ancora non parlano, ma in caso i vostri fossero più cresciuti potreste comunque pensare di regalarlo a nipotini o figli di amici. Un bel dizionario illustrato con le parole raggruppate per senso, si comincia dagli oggetti che si possono trovare in casa, si passa la mare, alla montagna, agli animali, ai capi d’abbigliamento.
Si può giocare a leggere a voce alta i nomi degli oggetti indicandoli e lasciando che il bimbo sia passivo.
Oppure farlo partecipare attivamente chiedendogli di indicare un oggetto di cui noi pronunciamo il nome.
Oppure ancora, indicare un oggetto e invitarli a dirci di che oggetto si tratta.
Io in questo modo misuravo i progressi di Filippo nel linguaggio.
Esattamente un anno fa, il 7 marzo 2010, quando aveva 1 anno e 7 mesi, ecco cosa abbiamo visto:
leglia=sveglia
etto=letto
dedi=sedia
tatu=tavolo
nanu=divano
papuppu=autobus
tatti=latte
lallu=cavallo
tetta=forchetta
lella(e chiusa)=stella
ganco=granchio
neglie=neve
nela=mela
nnana=banana(fino a poco tempo prima la chiamava lirilliri…)
pisci=pesce
lele=miele
niglio=coniglio
tatto=gatto
lella=coccinella
lana=rana
lallo=gallo
tisa=pizza
toto=foto
ttata=biscottata
tau=ciao
tattà=tartaruga
iaia=Maia
tetta=testa
pello=cappello
neno=telefono
ba bau=cane
lalla=palla
tatu=naso
tecchi=occhi
chicchie=orecchie
nina=manina
pede=piede



Mamma mia che tenerezza rileggere questo elenco!
Se penso che oggi devo solo correggerlo nella coniugazione di certi verbi irregolari, mi viene una nostalgia…
E voi?
Vi ricordate ancora di quando i vostri cuccioli iniziavano a parlare?
Le paroline più buffe?

7 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *