Favole di Esopo – Simone Rea – Topipittori

Prendete un bambino curioso e divoratore di libri nonché amante degli animali e mettetegli tra le mani un librone con una copertina invasa da rane agitate e pagine e pagine piene di curiose illustrazioni di animali ed avrete un bambino avido di parole. “Mamma è bellissimo questo libro delle rane me lo leggi?” 

Favole di Esopo di Topipittori magicamente illustrato da Simone Rea.
Prima di iniziare a leggere gli ho spiegato che non si trattava di un’unica storia, ma di una serie di piccole storie scritte tanti tanti anni fa da un signore che si chiamava Esopo. 

E come si spiega Esopo ad un bambino di 3 anni? 

Prima di tutto scegliendo tra le favole quelle più semplici e spiegabili. 

Così iniziamo da Il corvo e la volpe. La leggiamo senza interruzioni. Poi mi fermo e la spiego. E mimo il corvo con la bistecca in bocca e che non si fa capire quando parla e il corvo che per farsi capire sputa la bistecca ad una soddisfattissima e ancora una volta furbissima volpe.
Leggiamo Il gatto e i topi e pensiamo che i topolini sono furbi a rifugiarsi dove il gatto non può entrare e ci ricordiamo del gatto Amleto di Guarda c’è un buco, che guardando attraverso il buco “guarda c’è un topo, due, dieci cento esclama il gatto tutto contento, ma non può entrare è stretto il passaggio e i topi ballano intorno al formaggio” (che per lui è una delle scene più divertenti in assoluto di tutti i suoi libri, una scena che gli ha sempre strappato il sorriso anche alla millesima ri-lettura) 

Leggiamo il topo di campagna e quello di città e pensiamo alla nostran città piena di attrattive e anche di pericoli e al paesello di nonno Mimmi dove siamo liberi e quasi sempre al sicuro. 

Leggiamo de La volpe e l’uva e guardiamo la volpe invidiosa mentre osserva gli uccellini che sono riusciti ad arrivare all’uva al contrario di lei.. 

Leggiamo de Il leone e il delfino e in mezzo a quei meravigliosi delfini cerchiamo invano un leone che non si vede. 

Leggiamo Il pipistrello e il gatto e osserviamo come l’immagine renda benissimo l’idea di un topo-uccello. 

Leggiamo de Il leone e il topo riconoscente e immaginiamo quel che l’immagine ci nega, il leone, la corda… Ed è bello anche immaginare.
La ricchezza di questo libro è senza dubbio alcuno nelle immagini talmente suggestive, curiose.
Filippo le osserva attentamente e vorrei offrirgli un soldino per conoscere i suoi pensieri, ma non ci provo nemmeno perché temo di disturbarlo. Preferisco che viaggi col la fantasia ovunque lo portino quelle strane immagini.

Vi segnalo: 

Alla casina di Raffaello è in corso una mostra dedicata a Simone Rea questo geniale giovane illustratore italiano che tra l’altro è stato scelto a rappresentare l’Italia alla BIB, Biennale di Illustrazione di Bratislava da Ibby Italia che fra le proprie importanti funzioni ha anche quella di segnalare nei contesti internazionali le eccellenze espresse dagli artisti del libro e dall’editoria per ragazzi italiana. (http://topipittori.blogspot.com/2011/05/stop-presses-breaking-news.html) 

Tutte le info sulla mostra sul blog dei Topipittori, ulteriori dettagli sul sito de La casina di Raffaello

Intervista a Simone Rea sul blog della libreria Centostorie. 

In occasione di questa mostra, dal 26 al 31 maggio la libreria Centostorie partecipa alla Tribù dei Lettori: per un settimana la libreria, le letture e gli eventi si trasferiscono in Piazza San Giovanni Bosco (zona Cinecittà, metro Giulio Agricola). 

Infine vi segnalo questi appuntamenti nei quali potrete acquistare il libro e ricevere una dedica personalizzata direttamente da Simone Rea: 

–          Casina di Raffaello Giovedì 19 Maggio ore 11.30 conferenza stampa con Editori, giornalisti e assessori. 

–          Libreria Centostorie, Piazza San Giovanni Bosco  27 Maggio, alle ore 17.00 dediche. 

–          La Fabbrica dei Giganti, giardini della riserva dell’Aniene (Batteria Nomentana) 29 maggio ore 11.00 dediche 

Il libro sul sito e sul blog di Topipittori.


10 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *