La letterina di Natale ai genitori

La letterina di Natale ai genitoriNel periodo di Natale i bimbi a scuola usano preparare lavoretti da portare a casa e tra questi la famosa letterina di Natale per mamma e papà costituita da un disegno e una poesia a tema.
Quando ero piccola la mia mamma usava mettere la mia letterina sotto il piatto di papà durante la cena della vigilia, così quando il piatto veniva tolto da tavola, lui la trovava fingendosi sorpreso e io balzavo in piedi e recitavo la poesia per lui e per tutta la famiglia. La tradizione si è ripetuta nel tempo con fratelli e cugini.
Di solito il disegno era fatto da noi con qualche aggiunta da parte delle maestre, la poesia di solito era dedicata a Gesù Bambino del quale si raccontava la nascita e al quale si prometteva di essere più buoni, tra le risate generali.
Anche Filippo ha portato a casa la sua letterina: di suo pugno ha ritagliato col punteruolo i contorni dell’albero e… basta.
Ma in compenso ha imparato a memoria la seguente poesia:
Caro Babbo Natale,
sono un bravo bambino
anche se certi giorni un po’ birichino
se qualche dono mi porterai 
anche più buono tu mi vedrai
un libro un gioco
non ha importanza 
ma lascia un dono nella mia stanza.
Ora posto che adoro Babbo Natale, dov’è finito Gesù Bambino? La fredda capanna? E sopratutto la promessa di essere più buoni!?!
Ma soprattutto cosa dire di questa frase?
se qualche dono mi porterai 
anche più buono tu mi vedrai
Quello che penso io che sarebbe ora di spiegare ai nostri bambini che di doni ne hanno fin troppi, ma soprattutto che si deve essere buoni, ovvero comportarsi secondo le regole non per averne qualcosa in cambio, ma perché se si seguono le regole si è tutti più felici, perché le regole sono nate per far si che si stia insieme in modo sereno rispettandosi a vicenda.
Io non sono contraria alle ricompense per i comportamenti positivi: mi piace che mio figlio riceva dei regali quando non se li aspetta e mi piace motivarli dicendo che la mamma glieli riconosce, ma non mi piace quando si innesca il meccanismo del ricatto motivazionale.
A maggior ragione se poi è il bimbo che “ricatta”, come in questo caso…
E ora ditemi, son io che son prevenuta con queste maestre!?!?
Idee per dei simpatici e facili bigliettini di auguri fai da te, potete trovarle qui Lavoretti di Natale con i bambini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *