Filippo ed Edo: come si addomesticano fratello maggiore e nuovo arrivato

L’arrivo di un fratellino è quasi sempre un evento traumatico: si può tentare di attutire il colpo, ma l’onda d’urto prima o poi travolge anche i fratelloni più preparati.
Edo è stato desiderato, richiesto, atteso con l’impazienza che caratterizza i bambini, i quali non avendo il senso del tempo, non possono far altro che mostrarsi impazienti e curiosi per l’evento imminente.
Edo non è arrivato nel migliore dei modi, Filippo ha dovuto subire il distacco dalla mamma un mese prima del parto, poi si è ritrovato una mamma che dopo un mese di letto e un parto cesareo non sapeva nemmeno camminare, ricordo ancora la sua faccia quando finalmente mi ha vista in piedi fuori dalla nursery che muovevo i primi passi…
Edo è arrivato a casa in punta di piedi, silenzioso, sembrava non sapesse piangere o non piangesse per non disturbare, buono, dormiglione, il primo mese ha praticamente solo mangiato e dormito.
Filippo ha piano piano recuperato la sua mamma come presenza, ma soprattutto come compagna di giochi e mentre il fratellino non disturbava, cresceva in lui il desiderio di conoscerlo, di interagire con lui.
Poi Edo ha iniziato ad essere più presente, ma sempre in modo molto discreto: restava sveglio a guardare noi dalla sua sdraiata o dalla palestrina e il fratello maggiore mostrava di apprezzare questo fratellino che entrava nella sua vita in punta di piedi. Col passare del tempo è diventato parte viva e attiva della famiglia, ha iniziato a stare sempre di più sveglio in nostra compagnia, a mangiare con noi, a interagire, ma soprattutto ha mostrato da subito di avere una predilezione per il fratello maggiore che d’altro canto non aspettava altro che poterselo finalmente spupazzare.
Quando ha iniziato a gattonare, anche se goffamente, è diventato un vero tormento per Filippo, una specie di cagnolino fedele e innamorato del fratello maggiore: ha preso a seguirlo ovunque, a imitarlo nei giochi e Filippo è sempre rimasto abbastanza paziente e tollerante, scacciandolo qualche volta, ma accontentandolo il più delle altre e diventando un vero baby sitter modello: corre a chiamarmi se il piccolino fa qualcosa di pericoloso, e  si mostra ancora molto responsabile nell’accettare che alcuni giochi siano vietati in presenza del fratellino e ora arriva persino a bonificare la stanza anche in casa d’altri per evitare che Edo venga a contatto con cose pericolose.
Ormai sono un vero spasso: Edo è l’ombra di Filippo, Filippo disegna, Edo disegna, Filippo gioca a pallone, Edo goffamente gli corre dietro e gli ruba la palla con le mani… Filippo gioca con le costruzioni, a Edo serve proprio il pezzo che ha in mano il fratello maggiore…Insomma un vero rompino… E Filippo? Filippo è il fratello maggiore più meraviglioso che si possa desiderare, ormai ha assunto Edo a pieno titolo come compagno di giochi e salvo qualche piccolo episodio in cui esagera un po’.. è bravissimo davvero. Sono molto orgogliosa di lui.

Fratello-maggiore-fratellino-MammaMoglieDonna

E’ uno spettacolo vederli giocare insieme..
E guardare con che occhi Edoardo osserva il fratellone e viceversa.
Fratello-maggiore-fratellino-2-MammaMoglieDonna

Adoro quando i loro occhi si incrociano la prima volta la mattina.. si guardano, si sorridono e a me sembra che con quello sguardo si dicano Ti Amo.Fratello-maggiore-fratellino-3-MammaMoglieDonna

22 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *