Il menù di San Valentino

Quest’anno il San Valentino è capitato nel bel mezzo di una settimana complicatissima dal punto di vista dell’organizzazione familiare: i bimbi sembrano non poter uscire dal tunnel delle influenze-otiti-raffreddamenti e io e il papi dobbiamo fare i salti mortali per darci il cambio a casa con loro. Anche il giorno di San Valentino il papi è stato a casa la mattina per poi lavorare il pomeriggio, ma miracolosamente era a casa per cena. Alle 21.00 ma l’ho aspettato comunque. Ho fatto mangiare i bimbi alle 18.30 come sempre e poi ho cucinato per noi.
Per primo Trofie con gamberetti e zucchine in salsa di zafferano: un primo semplicissimo da preparare ma di sicuro successo: le zucchine e i gamberetti, avendo lo stesso tempo di cottura, possono essere cucinati anche insieme, con un po’ di olio e cipolla, se vi piace. Una volta cotti ho aggiunto lo zafferano in polvere (non dovrei dirlo essendo abruzzese, ma il nostro zafferano, quello vero non ce l’avevo) e un po’ di latte. Ho scolato le trofie e le ho ripassate con il condimento e un po’ d’acqua di cottura.
menu san valentino
Per secondo ho preparato i calamari in due versioni: quella semplice grigliati in padella e serviti con contorno di asparagi e con un filo d’olio e limone.
menu san valentino 2

La seconda versione, sorprendentemente buona è quella dei calamari ripieni.

Preparazione: per il ripieno ho usato i tentacoli dei calamari fatti a pezzettini piccoli e saltati in padella con olio e aglio, cui ho aggiunto prezzemolo e un po’ di pane. Ho riempito i calamari e li ho messi in forno a 180° per una mezz’ora. Deliziosi!
menu san valentino 3
Non ho avuto tempo per il dessert, ma ho ceduto alla tentazione di comprare delle fragole, controstagione e decisamente troppo grandi per essere state cresciute naturalmente…
Ovviamente la cena ce la siamo goduta poco con i rompini intorno, ma va bene così!
Filippo si è accertato che ci scambiassimo i bigliettini che aveva preparato per noi e ha controllato che li avessimo effettivamente arricchiti con le nostre dediche e ha voluto sapere cosa ci fosse scritto… ovviamente non ve lo dirò!

6 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *