PAPA’, non voglio dormire! Antonella Abbatiello

La messa a letto dei bambini è uno dei momenti più belli e complicati della giornata.
papà non voglio dormireI bambini quasi sempre sono troppo stanchi per riconoscere di esserlo e accettano mal volentieri la prospettiva di interrompere le loro attività per adare a dormire, a tale scopo, ormai lo raccomandano tutti gli esperti nel settore, può essere utile stabilire un rassicurante rituale della buonanotte che semplifichi la vita e renda il momento il più piacevole possibile per tutti.
Prepararsi insieme, aiutare il bambino a lavarsi, lavare insieme i denti e poi una volta impigiamati leggere un bel libro.. ecco questo per esempio può essere un modo di congedarsi dalla giornata, sereno e piacevole.
Ma non sempre l’epilogo è quello che desideriamo, spesso i bambini inventano mille scuse per non essere lasciati soli…
è quello che succede al papà del libro che vi presento oggi:
PAPA’, NON VOGLIO DORMIRE! di Antonella Abbatiello per Emme Edizioni
Il papà dopo aver ultimato un rituale simile a quello descritto sopra accompagna Pepè a letto, ma Pepè non ne vuole sapere “Papà, non voglio dormire!” “Perché non vuoi dormire, Pepè?”
E il piccoletto inizia con le sue divertenti quanto bizzare motivazioni perditempo:
il ragno peloso vuole mangiarmi
sento il rumore dei bruchi gialli nell’armadio
ci sono mille pesci che vogliono portarmi via
sta arrivando il coccodrillo che vuole dormire nel mio letto
verranno i rospi a farmi il solletico
e il papà sta al gioco e veste i panni dell’eroe inventando di volta in volta soluzioni altrettanto bizzarre, ma più che valide:
e io gli tirerò le mie pantofole
e io chiamerò i picchi rossi per farli mangiare
e io lancerò una graaande rete e li catturerò tutti
e io lo porterò a dormire dalla sua mamma
e io fischierò così forte da farli scappare via a gambe levate

E a forza di inventar storie il papà comincia a sentirsi stanco e si distende accanto al piccolo e quando lui gli chiede “papà ma che fai dormi? i brutti mostri torneranno…” lui lo abbraccia teneramente e gli risponde… “Allora… li faremo dormire con noi”.
Pepè si sente finalmente rassicurato e pronto a dare la buonanotte al papà.
L’immagine finale è quella di un co-sleeping veramente rassicurante: un cucciolo e il suo papà e tutti i mostri più spaventosi docili docili addormentati accanto a loro.
Un libricino delizioso: i bambini immedesimandosi in Pepè, possono sperimentare e dare voce alle loro paure e il papà sapientemente e dolcemente si guarda bene dal deriderle, ma trova delle soluzioni apparentemente bizzarre, ma in realtà molto valide agli occhi del piccolo Pepè che si sente compreso e rassicurato.
Apprezzabilissimo questo dolce papà… e apprezzabilissimo anche la sua scelta di rimanere accanto al suo cucciolo, come ulteriore rassicurazione, perché a volte inventano storie è vero, ma a volte quelle storie celano delle paure reali che i bimbi non sanno concretizzare diversamente, il buio, la solitudine, l’abbandono… e come tali vanno rispettate, capite e accolte! Bravo papà!!
Il libro è di Antonella Abbatiello, la sua storia è dolcissima, ma le illustrazioni tenere e delicate lo sono ancora di più, Pepè e le sue paure sono tenerissimi, i suoi mostri che battono la ritirata non son da meno…
Insomma una proposta che non vi deluderà.. e magari può diventare un omaggio per la festa del papà.
Altri consigli per la festa del papà:
Altri libri di Antonella Abbatiello:

15 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *