Le mamme blogger

Sono una mamma blogger da 4 anni più o meno: ho iniziato con un blog privato insieme ad una cara amica, i nostri figli erano coetanei, passavamo un sacco di tempo insieme e raccoglievamo sul nostro blog quanto di bello, divertente, notevole accadeva ogni giorno con loro: una specie di diario in cui raccoglievamo i nostri ricordi di mamme..

Col tempo mi sono avvicinata al mondo della mamme blogger, ho iniziato a leggerle, a ispirarmi a loro per le attività da proporre a Filippo, i libri da comprare..  e ogni volta che le leggevo avevo voglia di dire la mia così ad un certo punto mi son detta, perché no?Ho sentito l’esigenza di raccontarmi non solo per non perdere i ricordi di un periodo meraviglioso della vita di mio figlio, ma anche per confrontarmi sulle mie idee, sul mio modo di essere mamma, sui miei dubbi di mamma, ma anche di moglie e di donna che si confronta col suo tempo e con quello che sente e pensa.

Quello che mi è successo aveva dell’incredibile per me: pur avendo subito il fascino delle mamme blogger, al punto da modificare la mia idea iniziale di blogging, non avrei mai creduto che in rete si potessero creare delle amicizie così vere e profonde, sentire la vicinanza di cuore e di intenti con persone che non hai mai visto in faccia, che vivono a km di distanza da te, ma che ti fanno sentire che non sei mai sola.

Ho scoperto che la rete può dare tantissimo, che le mamme blogger in rete, le donne della rete hanno una forza e uno strumento potentissimo in mano. Lo confermano progetti e iniziative come la Staffetta di blog in blog che ogni mese assegna un tema da sviluppare e ogni mese 50 mamme più o meno nello stesso giorno, alla stessa ora sviluppano quel tema.

Lo confermano progetti meravigliosi come Quando nasce una mamma, che nasce e si prefigge lo scopo di sostenere le neomamme nel difficile periodo del puerperio quando è facile sentirsi sole e incomprese, quando un turbine di emozioni ci sommerge perché non sappiamo decifrarle o non riusciamo ad esternarle.

Penso al Blogger’s got Talent che ha visto i partecipanti mettersi in gioco mettendo a disposizione il proprio blog, la propria casa ad uno sconosciuto e regalando il proprio post ad un altro blog.. una esperienza che ha dimostrato quanta voglia di condividere, quanta disponibilità e apertura verso l’altro c’è in questa rete e tra le mamme blogger.

Penso a tutti gli splendidi progetti presentati al FattoreMammaAward, penso al mammacheblog che rende reale e se possibile ancor più bello quello che vivi in rete ogni giorno, che quest’anno, per l’ultima volta, spero, mi son persa, ma che sembra sia stato meraviglioso.

E penso a noi mamme blogger romane che ogni tanto cerchiamo di fare altrettanto incontrandoci per conoscerci da vivo e per condividere qualche ora, come abbiamo fatto col Mums Blogger Party, come faremo sabato prossimo con l’appuntamento A misura di… blogger.

Insomma io guardo il bicchiere mezzo pieno e mi piace questo mondo, mi piace quando facciamo gruppo per parlare di cose serie, mi piace quando siamo solidali, quando di fronte ad un problema ci consigliamo, ci raccontiamo le nostra esperienze, quando gioiamo delle gioie altrui.Mi rendo conto che siamo ancora molto lontani dall’essere veramente un gruppo unito…Non mi piace l’invidia e l’ipocrisia, il volersi tenere strette certe verità rivelate, il tirarsela con o senza ragione, non mi piacciono le sapientine che poi quando chiedi qualcosa in più glissano, non mi piacciono quelle che non riescono a riconoscere i meriti di una “concorrente”. Cose che esistono, anche se in forma più limitata, ma non è colpa della rete, anzi semmai è la dimostrazione che la rete è lo specchio della società fuori di essa. Questo post partecipa alla Staffetta di BLOG in BLOG versione extra.Ogni mese un tema scelto con un sondaggio nel gruppo Facebook omonimo viene svolto e pubblicato a reti unificate il 15 del mese alle ore 9.00, questa volta è stata proposta una versione extra dal tema Riflessioni sul blogging nato da una collaborazione con Professione Blogger.

mamme-blogger

39 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *