Medici senza Frontiere

Oggi vi racconto di Medici senza Frontiere, un’organizzazione medico-umanitaria indipendente creata nel 1971 in Francia da medici e  giornalisti che si occupa di popolazioni la cui sopravvivenza è minacciata giornalmente da violenza e catastrofi naturali quali guerre, carestie, epidemie e malnutrizione. Questa dura lotta  che da anni e con dedizione e amore affrontano li ha anche portati a ricevere il premio Nobel per la pace nel 1999..Quest’associazione vive di donazioni e noi tutti abbiamo la possibilità di contribuire ed aiutare,seppur in piccola parte, ed è per questo che è nato il progetto “festa senza frontiere”: tante idee per personalizzare le nostre occasioni di festa omaggiando i nostri invitati con simpatici regali solidali che sostengono i Medici senza Frontiere. Si può scegliere tra bomboniere, ecards di auguri, pergamente, scatole, cartoncini, inviti e tanti altri regali.

 bomboniere

Io trovo adorabili le scatoline rosse: per il giorno del mio matrimonio avevo allestito tutto in rosso e panna, vedrei benissimo queste scatoline sui miei tavoli…

Sono belle, eleganti, raffinate e volete mettere la sorpresa per gli invitati nello scoprire il nostro coinvolgimento in un progetto così bello e  importante?

E i sacchettini in cotone: semplici, belli e riutilizzabili ad esempio per profumare gli armadi..

Sul sito c’è questo e molto altro. Date un’occhiata.. e come sempre, soprattutto nelle occasioni di festa proviamo a ricordarci di chi è più sfortunato di noi e arricchiamo il nostro momento gioia di un valore più alto.

Che ne dite?

Avete visto quante soluzioni sono disponibili sul sito dei Medici senza frontiere? Quale vi piacerebbe per la vostra occasione speciale?

Questo articolo è stato sponsorizzato

2 Comments

  • lu v ha detto:

    L’idea delle bomboniere solidali è splendida!
    L’avevo scelta anch’io per il mio matrimonio e sono tantissime le associazioni che hanno queste iniziative.
    Mia madre è morta di cancro e così avevamo fatto una donazione all’AIRC con quelle.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *