Il mare di San Vito Lo Capo

Quest’anno abbiamo scelto come meta delle nostre vacanze familiari la Sicilia e più precisamente San Vito Lo Capo in provincia di Trapani.

Ora vi racconto perché e come ci siamo trovati.

Cominciamo dal principio: perché la Sicilia?

Non so voi, ma io ho sempre odiato fare le vacanze ad agosto, odio il caldo torrido, i posti super affollati, preferisco il mese di luglio e più ancora le prime due settimane di luglio. Agosto di solito lo passo al paesello dai nonni, al fresco dei suoi 1000 metri di altitudine.

Quest’anno mio marito è riuscito a farsi dare le ferie per l’ultima settimana di giugno e la prima di luglio, complice il brutto tempo che ancora caratterizzava il meteo sulla nostra penisola, abbiamo deciso finalmente per la Sicilia.

In Sicilia eravamo stati una volta, tanti anni fa, per il matrimonio di suo cugino abbiamo fatto 3gg a Messina con tappa a Taormina e già quella volta avevo avuto il sentore di essere approdata su una terra tutta da scoprire.

Poi sono arrivati i bambini e la Sicilia sembrava sempre troppo lontana… ma come dicevo, il meteo quest’anno ha deciso per noi: dopo tutte i malanni invernali legati a bronchiti e otiti, volevamo che Edoardo facesse due settimane al mare, mare vero, sole, mare, bel tempo.. e con quello che succedeva in giro per l’Italia ancora a maggio e come avremmo visto poi, ancora a giugno, non potevamo rischiare di incappare nel tempo brutto, così abbiamo scelto la Sicilia.

Perché San Vito Lo Capo?

La mia idea è che questa regione sia veramente tutta da scoprire, per tappe, impossibile in una volta sola, impossibile in una settimana, ma come faccio sempre, volevo una destinazione che mi garantisse muovendomi entro non molti kilometri di vedere più cose possibili.

Volevo :

  • il mare: che fosse raggiungibile a piedi, bello e pulito
  • servizi: il paese di destinazione doveva avere tutti i servizi in termini di negozi, farmacie, ecc.
  • vita: volevo che fosse un posto vivo, dove poter passeggiare la sera e mangiare un gelato incontrando gente, situazioni
  • natura, storia, città : volevo località interessanti nei dintorni da poter raggiungere con al massimo un’ora di macchina

Cosa ho trovato a San Vito Lo Capo:

  • un mare che non te lo immagini: sabbia fine e mare incontaminato che sembra di rivedere il mare di Cuba, nel 2011 ha vinto il riconoscimento come migliore spiaggia d’Italia, ottava in Europa

mare di San Vito Lo Capo 2

mare di San Vito Lo Capo 3

mare di San Vito Lo Capo

mare di San Vito Lo Capo 4

 

 

    • un paese in cui trovi  tutto quello di cui hai bisogno, anche se a prezzi decisamente turistici, ristoranti che c’è davvero l’imbarazzo della scelta, forni e pasticcerie che sono una tentazione irresistibile (ma per questo ci vuole un intero post..!)
    • un paese vivace con appuntamenti interessanti ogni sera, dal Libri, autori e buganvillee, una rassegna letteraria che si teneva proprio nei giorni in cui ero lì, a serate di animazione con Emanuela Titocchia a Giucas Casella (non che mi piacciano, ma per dire che c’era movimento), all’estate dei bambini con animazione in spiaggia, mini parco avventura e laboratori-gioco serali.
    • San Vito Lo Capo si trova proprio all’inizio dal versante occidentale della Riserva dello Zingaro, piccolo angolo di paradiso che con un sentiero costiero di una mezz’ora permette di raggiungere Tonnarella dell’Uzzo, spledida caletta (nella foto sotto) e poi Erice, Trapani e Segesta (ma anche per questi ci vuole un post ad hoc..) e poi Favignana, dove non siamo stati, ma che è facilmente raggiungibile anche da San Vito.Insomma San Vito Lo Capo si è rivelato l’ombelico del mondo.. ci siamo trovati veramente benissimo, per il mare, il cibo, i collegamenti, le persone.

I miei post sulla Sicilia:

Palermo vista da noi
In Sicilia con i Bambini
Sapori di Sicilia
Caponata 

11 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *