Il meglio della settimana #41

Ci siamo. Anche questa settimana è archiviata. E’ ora di tirare le somme e di raccontarvi quanto di bello ho letto durante i giorni scorsi.

Devo dire che questa settimana a differenza delle scorse in cui i tempi erano ben definiti, oggi siamo sulla varietà, tanti bellissime temi e tanti bellissimi post. Che non è facile scovarne, non è facile come sembra leggere dei bei post, sapete.

Io stessa quando leggo alcuni blog mi domando “ma cosa ci trovano le persone nel mio? io non son così brava a scrivere, son vera, ma riesco ad arrivare? ad emozionare? capiscono che ci sono io dietro i caratteri digitati sulla tastiera?”

Domande troppo esistenziali. Per ora non approfondisco. Vi lascio a chi sa scrivere ed emozionare….

Buona lettura!

il meglio della settimana

Cose di mamme

Alessandra su A tea for U e i dubbi di tutte le mamme Volevo essere la mamma migliore del mondo, cito “Ma davvero serve essere la mamma migliore del mondo per creare due personcine in gamba? O basta amarli, con i pregi e i difetti…”

Squabus in La disperazione a 20 mesi e la meraviglia di scoprirsi mamma, cito “Mi stupisco ad essere nello stesso momento profondamente preoccupata e scossa dai suoi singhiozzi accompagnati a grossi lacrimoni, però al tempo stesso ferma nei miei gesti e nella mia voce, dolce e suadente con lui.”

Di  libri per bambini 

Daniela e il suo irriverente post Mamme italiane, attente a non portare i bambini in Francia cito “è traumatico per i nostri bambini trovare libri d’autore ovunque! Noi che alleviamo i figli a pane e gadget, abituati a entrare in una libreria e trovarci di tutto ma pochi libri, non reggeremmo.”

Marta ci anticipa l’iniziativa delle sue letture per bambini nella scuola di suo figlio e spiega perché è giusto che la paghino per farlo Ci sono anche qui le figure?  “Innanzitutto tutto io leggerò libri belli… Ci sono ancora troppi elementi che giocano a sfavore dei libri di qualità e, soprattutto, degli albi illustrati… l’incapacità da parte dei grandi di comprendere l’importanza e il valore del linguaggio figurato con la convinzione che, in fondo, 15 euro per un po’ di figure e poche pagine siano soldi buttati.”

Attualità

Vale su Diario in Viaggio e del disastro del Vajont e dei ricordi di una bambina raccontato da sua mamma che aveva 5 anni

Utilissimo a chi come me non guarda i cartoni alla TV il post sul fenomeno PeppaPig su Linkiesta

Imperdibili:

Anna su tra rock e NinnaNanne Piccoli passi per diventare grandi e la straordinaria specialità di un giorno normale, che detto così pare banale, leggetelo! cito “I grandi, inghiottiti dal quotidiano, vedono annebbiato, oltre la coltre bianca di stanchezza e apatia c’è un mondo fantastico fatto di fascino e sorpresa che rende speciale anche il più semplici dei giorni ordinati, basta fare attenzione ai particolari”

Tiasmo e l’amore può attendere leggetelo tutto d’un fiato.

Francesca Bello su Paper Project e Il matrimonio gay che ha commosso il mondo

The Queen Father in Mele: la tenerissima storia di una bambina che riconosceva in lui la sua mamma… Non perdetelo!

Caterina Bernardi su Vanity Fair Una bambina e tanti animali a proposito della difficoltà dei genitori di parlare di sesso coi bambini , cito ” Vi siete mai chieste come mai tanti casi di abusi sessuali su bambini rimangano taciuti dalle vittime per tanto tempo? …  come possono poi loro raccontare ciò che di brutto gli capita se riguarda quella sfera di discorsi proibiti?”

Spero che il mio meglio della settimana vi sia piaciuto, vi ricordo che il meglio della settimana nasce da un’idea di Laura e vi aspetto la prossima settimana!

Intanto buona lettura e buon week-end!

11 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *