Giocare con l’arte: Pablo Picasso

picasso-cover_bw

 

Questo appuntamento della rubrica Giocare con l’Arte è dedicato a Pablo Picasso, il più grande artista del XX secolo.

Circa un anno fa siamo stati alla mostra dei Cubisti, una occasione per vedere le loro opere e scoprire qualcosa sul cubismo e sull’opera di Pablo Picasso, tentando anche di creare qualcosa che fosse ispirata alla loro attività.

Oggi ve lo racconto con un libro, Guarda che artista! Pablo Picasso, edito da Franco Cosimo Panini e le attività ad esso connesse che abbiamo svolto io e Filippo.

Il libro è interattivo e ripercorre tutte le tappe della vita e della carriera e dell’evoluzione dell’artista Picasso attraverso brevi racconti, illustrazioni, pop-up, flaps.

L’artista e la sua opera sono presentati con aneddoti e curiosità che invogliano il lettore alla scoperta e alla sperimentazione grazie anche alle sagome di carta a fine libro che permettono al bambino di creare, con il collage, la sua tavola cubista.

Il libro inizia presentando le opere dell’autore all’età di 7 anni… 14, 15, 16, 17 anni… sembrerebbe l’opera di un artista già completo e in effetti Pablo Picasso aveva iniziato molto presto, avendo un padre pittore che gli aveva insegnato tutte le tecniche della pittura.

Pablo Picasso - prime opere

Quando a 19 anni si trasferisce a Parigi e gli viene proposto di guadagnare con la sua arte, Picasso è felicissimo.. ma le sue mostre non hanno successo ed inizia così un percorso buio, quello del periodo blu, quello in cui le sue opere sono permeate di tristezza e colori cupi, cui si contrapporrà poco dopo il periodo rosa, quello in cui a Montmartre, con la sua banda Picasso frequenta il circo e i circensi e recupera il sorriso.. la sua pittura cambia…

Pablo Picasso - periodo blu - periodo rosa

Pablo Picasso - periodo blu - periodo rosa 2

La sua indagine volge all’arte primitiva, all’antico Egitto, alle tribù africane con le loro maschere rituali. Pablo Picasso capisce che le maschere non sono oggetti decorativi, ma hanno un potere magico, quello di rendere libere le persone che le indossano. E lui nell’arte non cerca la copia della realtà, ma la possibilità di liberarsi senza alcuna paura.

E nella primavera del 1907 che crea la sua opera più famosa, una delle opere più importanti della pittura moderna: Le demoiselle d’Avignon

Il libro racconta di come Picasso abbia invitato i suoi amici a giudicarla proponendo al bambino di fare altrettanto, aprendo la finestralla sotto la quale l’opera è nascosta.

A Filippo è piaciuta molto, ma agli amici di Picasso a quanto pare no. Solo uno di loro ne rimane incuriosito, è Georges Braque.

Pablo Picasso - demoiselle

A questo punto il libro presenta una splendida chitarra pop-up e prova a spiegare con una prova pratica, il Cubismo:

“Guarda questa chitarra, se tu dovessi disegnarla, come la faresti? La osserveresti attentamente tentando di rifarla uguale.”

Pablo Picasso - Cubismo - chitarra

“Beh, Picasso e Braque vogliono rappresentare la chitarra non così come la vediamo, ma per quello che è, vogliono rappresentare che cosa significa essere una chitarra. Prova a guardarla da un lato, poi dall’altro, sopra, sotto…”

Pablo Picasso - Cubismo - chitarra 2

“Se ti muovi un po’, non la vedi più uguale, no?”

Ecco, quello che Picasso e Braque voglio rappresentare è un oggetto per quello che è, sempre!

E la sperimentazione, il guardare le cose da prospettive diverse, ci aiuta a comprendere come nasca poi la chitarra di Picasso…

Pablo Picasso - Cubismo - chitarra 3

Dopo aver spiegato come nasce il cubismo, il libro mostra alcune opere mettendo in relazione l’attività di Pablo Picasso e quelle di Braque… opere molto simili in cui i due artisti sperimentano, scompongono le forme per poi ricomporle, riunirle. Sono gli anni in cui Matisse affermando che “questi artisti non disegnano case, ma cubi”, crea la definizione di Cubismo.

Pablo Picasso - Georges Braque

Poi arriva la guerra e Picasso non resta indifferente, ne rimane talmente impressionato da dipingere un quadro in segno di protesta contro un bombardamento, la guerra, tutte le sofferenze. In meno di 2 mesi completa una tela di 3,5 m per 8… E’ la GUERNICA!

Pablo Picasso - Guernica

Alcuni pensano sia l’opera di un pazzo, altri di un bambino di 4 anni, ma tutti restano a bocca aperta!

Le immagini che seguono sono quelle del laboratorio proposto a fine libro in cui alcuni elementi possono essere ritagliati e poi incollati per creare una tavola cubista. Ecco Filippo all’opera…

Pablo Picasso - collage cubista

Ed ecco la sua opera…

“Mamma in verità la cosa cubista è questa parte delle note e dei giornali perché li ho messi uno sull’altro in modo strano”

Pablo Picasso - Cubismo - collage 2

Un libro che è una meraviglia, uno spettacolo, così semplice eppure così ricco, così intrigante, curioso, istruttivo.

Se il libro ti piace puoi acquistarlo qui:

 

Altri post della rubrica giocare con l’arte:

La lotta – Dipingere Picasso senza saperlo
Alla scoperta di Mirò
Giocare ai cubisti
Giocare con Arcimboldo
Giocare con Mirò: un foglio fatto di blu
Giocare con Mirò: la poesia delle piccole cose
Giocare con Cezanne e la natura morta
Giocare con l’arte: gli stickers di Paul Klee
Giocare con l’arte: cercando la tigre
Giocare con l’arte: La tigre di Mirò, Picasso, Cezanne

23 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *