Liberiamo una ricetta: torta mantovana

La ricetta che vi presento oggi, è quella di una torta molto speciale,

 la torta mantovana

torta mantovana

E’ la mia torta preferita fin da quando ero bambina. Per la verità non so nemmeno se questo è il nome giusto per identificarla, ma mia mamma l’ha sempre chiamata così.

Quando ero piccola, lei la preparava per la mia madrina di battesimo. Lei e suo marito, il mio padrino non abitavano vicino a noi, li vedevamo un paio di volte l’anno, quelle rare volte in cui noi andavamo da loro. E quando andavamo mia mamma portava la torta mantovana, perché era la preferita della mia madrina. Gliela quasi chiedeva ogni volta… al telefono le diceva “mi porti quella squisita torta che prepari tu con le mandorle? sai che l’adoro…!” E mia mamma che lo sapeva, l’aveva già prevista.

Io ero felicissima di andare da loro. Non li vedevo mai eppure quando li vedevo mi piaceva un mondo stare con loro. E non era solo per la torta mantovana. Quando andavamo, loro avevano sempre un bel regalone per me e poi parlavano con me, soprattutto il mio padrino, si interessava alla mia vita, alla scuola, mi chiedeva, si confrontava. E mi riempiva di complimenti e incoraggiamenti. Diceva sempre che ero intelligente e che avrei fatto strada… Gli volevo bene. La sua opinione contava per me. Lui era una persona così distinta e così buona d’animo…

E poi mangiavamo la torta mantovana e ce ne tornavamo a casa, fino alla volta successiva.

Lui se n’è andato qualche anno fa… due giorni prima del mio matrimonio… avrei tanto voluto che mi vedesse quel giorno… ma il destino ha voluto così e lui mi avrà vista di certo da lassù.

Bene, ora la ricetta….

Ingredienti:

170 gr zucchero
170 gr di farina
170 gr di mandorle sgusciate
150 gr di burro
2 uova intere
2 rossi
1 pizzico di cannella

Preparazione:

Montare uova zucchero e cannella.
Aggiungere burro sciolto a bagno maria e farina setacciata.

Versare nella teglia da forno.

Aggiungere le mandorle tagliate a filetti.
Cuocere a 150° in forno preriscaldato.

Il segreto per la riuscita della torta mantovana è montare bene le uova (io le monto per quasi un’ora!)

“Le storie sono per chi le ascolta, le ricette per chi le mangia.Questa ricetta la regalo a chi legge. Non è di mia proprietà, è solo parte della mia quotidianità: per questo la lascio liberamente andare per il web”

Questo post partecipa all’iniziativa Liberiamo una ricetta, una occasione per scambiarsi ricette, ma soprattutto per condividere un momento di solidarietà. Come l’anno scorso infatti i partecipanti sono invitati a donare l’equivalente della spesa per il piatto a sostegno delle famiglie rifugiate ospitate dal Centro Astalli di Roma. I dettagli per la donazione, qualora voleste contribuire sono qui.

Se volete, anche su Le Nuove Mamme Roma abbiamo partecipato, qui la nostra ricetta romana!

14 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *