Grande storia delle stelle

Il libro che vi presento oggi è Grande storia delle stelle un bellissimo pop-up edito da Editoriale Scienza.

grande storia delle stelle

Questa casa editrice, che io ho scoperto da un annetto circa, produce libri stimolanti e veramente interattivi in grado di suscitare l’interesse dei bambini e di stimolare la loro curiosità offrendo risposte, ma soprattutto suscitando domande. E il bello di un libro che si pone come obiettivo non solo quello di divertire, ma anche quello di insegnare qualcosa ai bambini è proprio questo, quando riesce a lasciarti con la voglia di saperne di più, di scoprire qualcos’altro sull’argomento, con la sete di sapere, insomma.

Vi siete mai chiesti la sera, quando il Sole tramonta, il cielo si fa scuro e spuntano le stelle, sollevando lo sguardo che cosa sono quelle lucine? I nostri antenati se lo son chiesto per secoli : guardavano il mondo e si davano spiegazioni che oggi a noi sembrano risibili, ma che con le loro conoscenze e credenze lo erano eccome. I babilonesi credevano che il cielo e la terra fossero nati tagliando in due un mostro marino, gli antichi egizi credevano nella mucca delle stelle, i cinesi nella storia di Pangu e l’uovo. Storie buffe da leggere oggi, ma allora devono aver avuto un senso! I greci giocando ad una specie di “unisci i puntini” immaginarono disegni e storie nel cielo.

Grande storia delle stelle 2

E poi Copernico e la sua incredibile concezione del Terra che ruota intorno al Sole e Galileo col suo telescopio. E finalmente le nozioni base note ai giorni nostri e facilmente comprensibili ai bambini

Le stelle sono enormi e bollenti palle di gas fiammeggiante. Sono così grandi, così calde e così brillanti che possono illuminare lo spazio. Senza le stelle l’universo sarebbe completamente buio.

Grande storia delle stelle

E ancora l’importanza del Sole per la vita sulla Terra.

Grande storia delle stelle 3

E la vita delle stelle, come si forma, come muoiono e come si riformano… e tanto tanto altro.

Un libro come dicevo molto carino e che stimola tante domande e invita a nuove indagini.

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *