A SBAGLIARE LE STORIE

A SBAGLIARE LE STORIE ci vuole poco, basta mettere un personaggio di una fiaba in un altro oppure mettere l’animale sbagliato al posto giusto oppure mandare una bambina in giro per la città invece che dalla nonna…

Succede questo e molto altro nella favola A SBAGLIARE LE STORIE di Gianni Rodari, che fa parte della raccolta “Favole al telefono”, Einaudi,  pubblicata a Torino 1962. Da allora son passati più di 60 anni e questo libro emoziona e diverte noi come i bambini di allora.

Io lo avevo incontrato diverso tempo fa in libreria, ma avevo dubbi che potesse non coglierne l’ironia, così non l’ho mai comprato.

Lo abbiamo scovato in durante la nostra prima volta in biblioteca, i bambini hanno intuito che si trattasse di una stramba versione di cappuccetto rosso e hanno chiesto di leggerla. Non vi dico le risate che si son fatte… ridevano a crepapelle e più ridevano più chiedevano di leggere e rileggere. Troppo divertente per loro questo nonno che manco indovinava il colore del Cappuccetto.. che mandava la nipotina dalla zia Diomira a portarle una buccia di patata e nel bosco faceva incontrare alla bambina una giraffa!!

a sbagliare le storie Gianni Rodari 2

E mentre il nonno legge e sbaglia, al nipotina lo riprende e lo corregge, dapprima con pazienza…

“C’era una volta una bambina che si chiamava Cappuccetto Giallo”

“NO, Rosso!”

“Ah, si. Cappuccetto Rosso”

“La sua mamma la chiamò e le disse senti, Cappuccetto Verde…”

“Ma, no Rosso”

“Ah, si. Rosso”

Poi all’ennesimo errore…

a sbagliare le storie Gianni Rodari

E che dire del lupo che incontra Cappuccetto e le chiede quanto fa 6×8?

a sbagliare le storie Gianni Rodari 3

E lei che risponde, “vado al mercato a comperare la salsa di pomodoro”

E del cavallo che prende il posto del lupo…

a sbagliare le storie Gianni Rodari 4

Ma se volete veramente ridere a crepapelle sentite qua:

“Prendi il tram numero settantacinque, scendi in Piazza del Duomo, gira a destra, troverai tre scalini e un soldo per terra, lascia stare i tre scalini, raccatta il soldo e comprati una gomma da masticare.”

Ridevano ad ogni pagina, ad ogni errore e come non ridere della geniale trovate di Rodari, impreziosite dai disegni di Alessandro Sanna, semplici eppure così espressive.

A sbagliare le storie i bambini si divertono, mettono in moto il cervello, ma soprattutto ridono a crepapelle!

Leggere per credere!!!

9 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *