Kids&Us: Natural English

La settimana scorsa sono stata invitata alla presentazione del corso di inglese Kids&Us, una scuola di inglese bellissima, con ambienti colorati con colori vivaci e arredi a misura di bambino, ma soprattutto con un metodo di apprendimento che mi ha veramente convinta. Ho sempre pensato che avrei iniziato molto presto a far prendere lezioni di inglese ai miei bambini, ma effettivamente non hanno ancora iniziato pur avendo 3 e 6 anni. L’incontro con la scuola e con il metodo Kids&Us mi ha aperto gli occhi sulla necessità di iniziare quanto prima: la loro metodologia apre le porte a bambini di appena 9 mesi! Troppo presto? Sentite qua…

Kids&Us 2

IL METODO KIDS&US: Kids&Us usa una metodologia di insegnamento della lingua inglese basata sull’apprendimento naturale che segue lo stesso percorso naturale e spontaneo di apprendimento della lingua madre. Il bambino impara a parlare la lingua materna dopo averla ascoltata sin dalla permanenza nel grembo materno, ma inizia a parlare solo dopo i 2 anni, formula frasi intorno ai 3 anni, questo perché la fase 0-3 anni è quasi solo di ascolto e comprensione. Il medodo Kids&Us vuole ricalcare questo apprendimento spontaneo attraverso le stesse fasi.

Kids&Us 3

LISTENING: Il primo contatto che un bambino ha con la lingua madre è a livello UDITIVO, ecco perché il primo step del metodo Kids&Us è basato sull’ascolto: il bambino viene esposto alla lingua inglese attraverso giochi, canzoni, laboratori in cui non vengono forzati a parlare, ma apprendono ascoltando ripetutamente le stesse espressioni, spesso con l’uso di canzoni, la cui musicalità rimane impressa più facilmente e il bambino acquisisce familiarità con i suoni. L’esposizione precoce alla lingua inglese è una delle chiavi di riuscita di un metodo, ecco perché accoglie i bambini sin dal primo anno di vita e non più tardi dei 7 anni.

Kids&Us 4

UNDERSTANDING: Il secondo passaggio è quello della comprensione, CAPIRE. I bambini vengono guidati a capire il senso di quello che hanno ascoltato: dopo aver ascoltato le stesse combinazioni di parole in momenti diversi e contesti diversi, il bambino comincia a capire il senso di quello che sente.

Kids&Us 5

SPEAKING: Dopo aver ascoltato molto e cominciato a capire, il bambino inizierà a PARLARE, perché a lezione verranno create situazioni in cui il bambino userà quello che ha ascoltato e capito.

READING and WRITING: con il metodo Kids&Us il bambino inizia a SCRIVERE e LEGGERE solo dopo ascoltato moltissimo, capito e iniziato a parlare, non prima degli 8 anni.

Kids&Us 6

COSTRUTTI e NON PAROLE: L’obiettivo è insegnare loro ad usare costrutti e non termini, ad affrontare situazioni e non ad apprendere parole.

I corsi sono strutturati in classi divise per età e formate da gruppi di 5 bambini per quelli di 1-2 anni, massimo 8 poi.

Le lezioni sono strutturate con attività-gioco che cambiano ogni 15 minuti, questo per mantenere alta la soglia di attenzione dei bambini e farli sentire coinvolti, perché solo se son coinvolti, ascoltano e apprendono.

Noi siamo stati coinvolti in un simpatico laboratorio per la costruzione di una lumachina con la frutta.

Kids&Us 7

E’ stato molto divertente vedere come l’insegnante coinvolgesse i bambini, con canzoncine, travestimenti, buffi personaggi, durante il laboratorio ripeteva, incoraggiava i bambini a ripetere certe espressioni.

Kids&Us 8

Abbiamo toccato con mano il metodo Kids&Us ed è stato divertente e anche efficace: Filippo ha imparato che per avere una cosa devono dire “Can I have questa cosa, please?” e una volta a casa l’ha insegnato al fratellino, così ora ci divertiamo a chiederci le cose in inglese! ^_^

Si, perché il percorso per imparare l’inglese con Kids&Us non finisce a scuola, i bambini a casa devono esercitarsi all’ascolto con il materiale fornito dalla scuola. Un percorso apparentemente impegnativo per i genitori, ma divertente e stimolante, perché noi genitori lo sappiamo bene che i nostri figli riesco di più e meglio se hanno il nostro sostegno e il nostro entusiasmo. E io di Kids&Us sono entusiasta! ^_^

Questo post è stato sponsorizzato.

9 Comments

  • Adriana ha detto:

    Mi hai incuriosita. E’ da un po’ di tempo che penso ad un corso per i miei bambini, ma la scelta non è semplice. Mi informerò se nella mia città ci sono corsi che utilizzano questo metodo grazie.
    Buona giornata
    Adri

  • momfrancesca ha detto:

    Interessante!
    Ma credo che, al contrario di come scrivi, non sia un percorso apparentemente impegnativo. Per loro è solo divertente e gli sarà molto utile da adulti. A volte noi genitori abbiamo preoccupazioni che nella loro testa non sussistono.
    A presto, momfrancesca.
    Ps: bella presentazione 🙂

  • hermione ha detto:

    Che coincidenza, noi oggi inizieremo il secondo anno di Kids&Us, con la piccola di tre anni e il grande di quasi sei.
    Sono molto soddisfatta dei risultati raggiunti lo scorso anno, i bambini si sono accostati all’inglese vivendolo non come una traduzione dell’italiano (che è poi come l’ha appreso la mia generazione), ma come una lingua vera e propria. E poi frequentano i corsi con piacere, perché per loro è soprattutto un gioco.
    E sì, è vero, richiede un po’ di impegno, specialmente da parte dei genitori che devono aiutare il bambino nelle attività da svolgere a casa, perché non possono certo leggersi i libri da soli, ma io penso ne valga assolutamente la pena.

  • Speriamo che le nuove generazioni si approccino alle lingue straniere in modo diverso e piu costruttivo del nostro. Io sto portando avanti un progetto simile a casa con I miei due bambini e grazie al supporto di BpG. Cantiamo, vediamo I cartoni e leggiamo in inglese. I risultati saranno, pero, a lungo termine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *