La mia scuola ha un nome da maschio

Il mio bambino grande inizia la scuola primaria quest’anno. Quando i nostri figli raggiungono di questi traguardi, a noi mamme sembra sempre troppo presto, ci sembrano sempre piccoli e indifesi, ci pare di doverli preparare in qualche modo, come non fossero già pronti, come a doverli aiutare ad attutire l’impatto con la grossa novità. Io in questo sono maestra, non c’è evento nella vita di mio figlio che non sia stato introdotto a dovere, pure troppo a volte. E’ stato così con l’arrivo del fratellino, l’arrivo della tata, il mio ritorno a lavoro full time.

Ma l’ingresso nella scuola primaria è una cosa tutta sua, è una esperienza che sarà solo sua.. io non posso accompagnarlo se non sull’uscio, non posso proteggerlo e neanche prepararlo forse, ma ho voluto provarci, come spesso, quasi sempre, con un libro. Di solito ne prendo più d’uno, ma questa volta ne è basta uno solo: incantevole, dolcissimo:

La mia scuola ha un nome maschio

La mia scuola ha un nome da maschio racconta la scuola con la voce di un bambino e con la dolcezza con cui solo un bambino sa dire le cose, anche quelle meno belle…

La mia scuola è di quelle normali, con un cancello e i disegni appesi.

La mia scuola ha un nome da maschio

I maestri sono sempre già in classe e sulla cattedra hanno molti fogli scritti in piccolo senza figure.

Fuori dalla scuola ci sono le cose che a scuola si imparano.

A scuola ci sono le ore, che passano e non si vedono…. alcune sono brutte, altre così così, ma certe sono bellissime anche la mattina presto.

La mia scuola ha un nome da maschio 3

Vanno avanti lente o corrono troppo veloci, ma tutte si fermano un attimo a fare merenda.

A scuola stiamo tutti insieme. Parliamo, ascoltiamo, dividiamo il banco e la pizza. 

La mia scuola ha un nome da maschio 2

Ogni tanto ci mettiamo in gruppi per fare il cartellone.

La mia scuola ha un nome da maschio 4

Così, vicini vicini, ci scambiamo le idee, i segreti e i pidocchi.

La mia scuola ha un nome da maschio 5

La mia scuola ha una voce di campanella. Dice che la ricreazione è arrivata e allora bisogna correre a cercarla dappertutto, prima che vada via. E se dalla strada senti strilli di scimmie, squilli di trombe, gorgheggi, tamburi e barriti, forse siamo solo noi.

La mia scuola ha un nome da maschio 1

Perché siamo tanti, ma certe volte sembriamo di più.

Cos’altro c’è da dire sulla scuola? Io ho adorato questo libro, le illustrazioni sono molto semplici e forse per questo molto vicine ai bambini e ben si sposano con il linguaggio semplice del testo.

Il testo è un incanto, nessuno potrebbe descrivere la scuola in modo altrettanto simpatico, incantato, dolce.

Le poche frasi che ho estratto sono alcune di quelle che ho più attrezzato, che ho immaginato di sentir dire a mio figlio, perché anche lui parla così, anche lui riesce ad esprimere cose enormi con parole dolcissime. Mi è entrato nel cuore e spero sia entrato anche in quello di mio figlio, perché la scuola raccontata così sembra proprio bella bella!!

La mia scuola ha un nome da maschio di Susanna Mattiangeli e Agustin Comotto, edito da Lapis Edizioni.

Potrebbero interessarti:

Mentre la mamma è al lavoro

Tornare a scuola senza stress

Il tabellone per preparare i bambini al rientro a scuola

Mamma la scuola! Il libro di Daniela Poggi

Open day alla scuola primaria

Se il libro ti piace puoi acquistarlo qui:

8 Comments

  • Elisa ha detto:

    Mio figlio è “già” al secondo anno, ma mi sembra un’idea carina da regalare a chi inizia adesso. Grazie del consiglio 🙂

  • Btwinsbimamma ha detto:

    tanti auguri per il nuovo inizio…io non gli ho fatto leggere nessun libro (mamma degenere) però li ho portati a 2 anteprime per inizio scuola organizzate dall’istituto …anteprima di carnevale (festa di carnevale organizzata dalla scuola per tutti i bambini che avrebbero frequentato 1° elementare l’anno successivo) e presentazione estiva della scuola …. i miei bimbi erano sereni e consapevoli del passaggio e per questo ero abbastanza tranquilla…sono contenta di aver aspettato (potevo anticipare) e aver rispettato i loro bioritmi anche se si trovano a festeggiare amichetti più giovani di loro …

    • MammaMoglieDonna ha detto:

      Il mio è andato a fare dei progetti di continuità l’anno passato, ma essere lui li dentro, da studente, credo sarà tutt’altra cosa…
      Grazie per gli auguri, li ricambio ai tuoi, anche se non son più novellini.. ^_^

  • Mammaalcubo ha detto:

    Trovi sempre dei libri bellissimi!
    Ormai il mio primo va in terza, ma per il fratellino sono ancora in tempo! Me lo segno 🙂

  • stefania ha detto:

    Un libro decisamente adatto in questi giorni… buon inizio… e buon anno scolastico!

  • Elisa ha detto:

    Buon inzio allora!!! Sono così lontana e purtroppo non posso comperare tutti questi bei libretti nel giro di poco tempo, ma me li annoto tutti. Quando trovo dei bei suggerimenti prendo sempre nota 🙂 Un abbraccio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *