La valigia dei bambini per il mare

Preparare la valigia dei bambini per il mare è un vero spasso, lo devo dire!

Durante l’anno spesso per le festività o nei week-end preparo le valigie dei bambini per andare in montagna dai nonni, che sono ad oltre 1000 m e quindi hanno mediamente 10 gradi in meno a quelli di Roma e devo preoccuparmi di inserire capi di diverso spessore perché i bambini possano vestirsi, come si dice “a cipolla”.

La valigia dei bambini per il mare al contrario è quanto di più semplice si possa preparare.

Ecco quello che ho preparato, ditemi se ho dimenticato qualcosa:

valigia dei bambini per il mare 2

 

  • 1 Pigiamino a maniche corte: tendenzialmente tengo sempre il deumidificatore acceso e farli dormire senza nulla addosso non mi piace. Il pigiamino leggerissimo è d’obbligo. Voi lo usate?
  • 2 Completini da spiaggia: canottierine e shorts leggeri, comodi e pratici per andare e tornare dalla spiaggi
  • 2 t-shirt e shorts per le passeggiate serali o per le gite culturali che nelle mie vacanze non possono mai mancare! ^_^ (vedi post dintorni di San Vito Lo Capo)
  • 1 cappellini con visiera

valigia dei bambini per il mare

  • 3 costumini
  • 1 bandana da tenere in spiaggia
  • 1 telo mare per asciugarsi dopo il bagnetto

valigia dei bambini per il mare 4

  • 1 sandalo da passeggio
  • 1 ciabattina da spiaggia

valigia dei bambini per il mare 3

  • libri gioco: questi servono non tanto per la vacanza, quanto per il viaggio in nave.

Cosa ne dite, ho preso tutto?

I bambini son partiti con le loro splendide valigie: sono borse dalla dimensione perfetta per essere gestite dai bambini, colorate e bellissime con diversi disegni che c’è l’imbarazzo della scelta.

La cosa che amo di più è che sono assolutamente a misura di bambino: con maniglie e tracolla, con una tasca grande in cui mettere tutti i vestiti e una tasca laterale che può essere usata per le scarpe o le ciabattine. Insomma, davvero perfette.

 

Se vi interessano, le trovate qui:

Dei solari per bambini e adulti che ho scelto vi avevo già raccontato in un altro post.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *