Libriamoci a scuola

image

 

Leggere ad alta voce in famiglia è al centro di molte iniziative negli ultimi anni, da quando gli studi confermano i benefici innegabili per i nostri bambini e futuri adulti.

Molte scuole hanno inserito la lettura all’interno dell’offerta formativa, hanno attivato il prestito del libro durante il weekend dalla dalla biblioteca scolastica, organizzano uscite nella biblioteca del quartiere.

Ma ci sono iniziative che rischiano di trasformare le attività di alcuni in una buona pratica che unisce tutto il territorio italiano.

Lunedì 26 ottobre parte la seconda edizione di Libriamoci a scuola:

  • giornate di lettura nelle scuole,
  • una settimana dedicata alle lettura ad alta voce in tutte le scuole italiane, promossa dal Centro per il libro e la Lettura (MiBACT) e dalla Direzione generale per lo studente (MIUR).

Nella settimana dal 26 al 31 ottobre, grazie a Libriamoci a scuola, personaggi della cultura e dello spettacolo, ma anche genitori e nonni, potranno entrare nelle aule scolastiche per leggere ad alta voce e condividere insieme ai propri bambini un momento che è al tempo stesso intimo, di confronto con gli altri e di arricchimento per tutti.

Per aderire all’iniziativa Libriamoci a scuola, le scuole si possono iscrivere alla banca dati dell’iniziativa , indicando il proprio programma di lettura che svolgeranno in una o più date della prossima settimana. Non c’è limite per iscriversi, la banca dati è aperta fino alla fine della manifestazione. Qui potete trovare tutte le informazioni: http://www.libriamociascuola.it/?p=1371

Mirna Molli, Pachamama

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *