Prevenzione

Prevenzione-tumori-seno_rid_s

Lo scorso anno al mammacheblog ho avuto modo di ascoltare di persona Francesca Del Rosso, Wondy. Ovvero come si diventa supereroi per guarire dal cancro, che raccontava della sua esperienza con il cancro e del suo libro.

Io avevo appena scoperto di avere un nodulo al seno, lo avevo trovato io, come era successo a lei e mentre Wondy parlava io piangevo, ma non per lei che grazie a Dio stava bene, piangevo per il terrore per quello che stavo vivendo, piangevo al pensiero che la sua storia potesse diventare la mia.

Sentivo lei che raccontava dei suoi bambini, che ovviamente erano stati il suo primo pensiero quando ha capito che avrebbe dovuto lottare contro quel brutto male, dell’idea che potesse non vederli crescere.

Ogni mamma vorrebbe restare accanto ai propri figli più a lungo possibile, proteggerli accompagnarli o solo guardarli da lontano, ma comunque esserci.

Anche io ho pensato ai miei figli e ho immediatamente preso appuntamento per una visita e una ecografia. Ho fatto diversi esami da allora che mi hanno relativamente tranquillizzata, anche se alla fine il nodulo lo abbiamo comunque tolto per precauzione. Si chiama prevenzione.

La prevenzione può salvarci la vita.

Spesso nella nostra frenetica vita dimentichiamo che essa non ci appartiene se non per l’istante che stiamo vivendo. Abbiamo il dovere di godere di ogni attimo di vita che ci è concesso, ma abbiamo anche la fortuna di poter intervenire sul destino. La prevenzione può moltissimo contro queste brutte malattie, prendersi cura di sé, fare controlli periodici è quello che fa la differenza.

AIRC: Speciale seno

Fondazione Veronesi: A che età iniziare i controlli al seno

Tags

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *