Proteggere i nostri figli

proteggere i nostri figli 4

Molte di noi sono nate mamme nel momento in cui hanno scoperto di essere incinte, altre quando hanno preso per la prima volta tra le braccia i loro cuccioli, altre ancora dopo qualche giorno, in ogni caso, il primo bisogno impellente, il primo dovere che tutte noi abbiamo sentito è stato quello di proteggere i nostri figli da tutto e tutti.

In una sorta di delirio di onnipotenza, ci prefiggiamo sa subito l’obiettivo di proteggere i nostri figli per la vita e dalla vita.

E quando son piccoli ci pare persino di riuscirci, stiamo dietro a loro al parco, teniamo loro la manina in ogni circostanza e ci pare di proteggerli, anche quando a volte impediamo loro di esplorare la vita…

Poi crescono e la manina non la vogliono e al parco giocano volentieri lontano da noi. Noi li guardiamo da lontano, insistendo nel pensare che possa bastare il nostro sguardo a proteggere i nostri figli…

Ma prima o poi viene il giorno in cui dobbiamo affrontare il fatto che non possiamo proteggerli da tutto, che non ci saremo sempre, che non terremo sempre loro la mano, che non potremo proteggerli con lo sguardo, che non saremo sempre ad un passo da loro.

Io credo di averlo sempre saputo, non son mai stata una mamma apprensiva, di quelle che sta sempre dietro di loro pronta a raccoglierli se cadono, mi è sempre piaciuta l’idea di esserci, ma che comunque trovassero il modo di rialzarsi da soli.

proteggere i nostri figli 5

La separazione mi ha messo di fronte al fatto che non ci sarò sempre, neanche a guardarli. Forse è stato questo l’aspetto più duro da mandar giù, l’idea di non esserci sempre per i miei figli, la presa di coscienza che non solo non potrò proteggerli sempre, ma che non ci sarò sempre.

La prossima settimana se ne vanno in campeggio con il papà e, nonostante io mi fidi completamente di lui che so essere davvero un buon padre, mi sento inquieta all’idea che io non ci sarò, anche se so che si divertiranno un mondo e probabilmente neanche gli mancherò…

Sto preparando loro le valigie, ci ho messo ovviamente anche un libro, di cui poi vi parlerò, per proteggerli dalla “nostalgia della mamma” (ma sentiranno poi davvero la mia mancanza?) e ci metto ovviamente tutto quello che può servire per proteggerli dal sole: costumini, cappellini, cremine pre e post esposizione al sole. Perché di questo genere di protezione i nostri bimbi hanno decisamente bisogno!

proteggere i nostri figli 3

Mi piace pensare che il modo migliore per proteggerli sia metterli in condizione di fare da soli, liberi dai pericoli, lasciarli liberi di esplorare, di giocare, di stare al sole, ma sapendo di averli protetti con il giusto solare, un cappellino, una maglietta se serve.

Proteggersi dal sole non è una opzione, è l’unica cosa giusta da fare e se i vostri bambini sono reticenti a farsi mettere le creme solari o ad usare i cappellini in spiaggia, forse riuscite a sensibilizzarli, prima della partenza partecipando al concorso BioNike, che tra l’altro vi fa vincere i loro fantastici prodotti, compilando l’album delle vacanza, uno scrapbook creato per l’occasione da Annalisa Strada.

Tante le mamme che stanno partecipando al concorso, anche tante mamme blogger con i loro bimbi si son divertite un mondo a compilarlo, leggete i loro racconti se vi va e poi partecipate anche voi con i vostri bimbi, perché abbiamo il dovere di proteggere i nostri figli dal sole!

E quello che insegniamo loro ora, rimane con loro, instilla un seme, che cresce con loro, ne sono convinta (e questo vale per l’abitudine a proteggersi dal sole, come per tutto il resto).

IMG_1158

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *