Libri per bambini sulla famiglia: In una famiglia di Topi

Negli anni ho sperimentato che spesso i libri per bambini che “funzionano” di più sono quelli in cui i bambini si identificano, quelli in cui riconoscono se stessi e i loro stati d’animo, in cui rintracciano il loro vissuto quotidiano, in cui trovano la loro famiglia.

Il libro che vi presento oggi si chiama In una famiglia di topi, edito da Topipittori e porta la firma di Giovanna Zoboli e Simona Mulazzani.

Prima di andare avanti con la lettura del post, vi invito a leggere l’intervista a Giovanna Zoboli, realizzata qualche anno fa, che vi spiega chi sono i Topipittori e come nascono gli albi illustrati che pubblicano… Intervista alla casa editrice Topipittori.

Giovanna Zoboli e Simona Mulazzani hanno firmato per Topipittori anche Vorrei Avere, che è il libro che mi ha fatto innamorare dei libri per bambini, recentemente ristampato con una nuova copertina. Imperdibile. Ve ne parlo in questo post: Vorrei Avere, Topipittori.

In una famiglia di topi succede quello che succede in tutte le famiglie, e sfogliando questo bellissimo albo, i vostri bambini si ritroveranno in ogni scena del libro, in ogni emozione, perché pagina dopo pagina non sono più i topi, ma loro stessi i protagonisti del racconto.

Perché in una famiglia di topi, come in tutte le famiglie, si mangia tutti insieme e spesso mentre si mangia si parla tutti insieme e ci si racconta una cosa che è tutto il giorno che si pensava di raccontare alla propria famiglia, mentre altre volte c’è silenzio, ma di solito è un silenzio buono, già pieno di riposo, bei sogni e piedi caldi...

In una famiglia di topi, quando si torna a casa ognuno toglie le scarpe e pensa che ha da fare un compito, un sonnellino, una telefonata.

A volte invece ci son battibecchi su chi deve fare cosa…

Succede anche a voi e ai vostri bimbi di discutere su chi deve apparecchiare, chi sparecchiare, chi sbucciare le patate?

Nella nostra famiglia succede, ma poi quando è pronto in tavola, come nella famiglia di topi, torna il buonumore perché non c’è niente che a una famiglia di topi piaccia più che mangiare insieme.

In una famiglia di topi, ognuno ha la sa stanza, oppure, magari se non proprio una stanza tutta intera, almeno un angolo però solo per lui. E chi vuole entrare deve chiedere “E’ permesso?”

In una famiglia di topi, come in tutte le famiglie, ci son giornate lente che sembra di essere usciti di casa un anno prima e a volte veloci che sembra di non essersi nemmeno alzati dal letto.

Perché in una famiglia il tempo passa per tutti in modo diverso, con pensieri diversi, diversi ognuno dall’altro, ma anche diversi dai propri del giorno prima.

Perché in una famiglia (di topi), nessuno si sveglia identico a come era il giorno prima. 

E in una famiglia di topi ognuno si veste da soli perché come fanno gli altri a sapere che vestito vuoi mettere?

E ci si lava i denti 3 volte al giorno anche se è noioso

E ci si saluta e, anche se certe volte sarebbe bello restare a casa, si va incontro alla nuova giornata e c’è chi va a scuola e chi a lavoro.

E quando è ora di pranzo, a scuola, a lavoro, a casa, ognuno fa il suo spuntino. E spesso mentre ci si riempie di bricole, si pensa alla propria famiglia (di topi) e ci si chiede cosa stanno facendo adesso, gli altri topi della famiglia.

E a volte, mentre si gioca a rincorrersi, o mentre si risponde alle domande del maestro, o mentre si fa la spesa, o mentre si è in autobus, o mentre si fa amicizia con qualcuno, si pensa: “come si sta bene anche fuori dalla mia famiglia di topi”.

E così succede che molto tempo della giornata lo si passi con altri topi, altre famiglie, tutte famiglie diverse , tutti topi diversi, tutti topi indispensabili per la fare la scuola, o il lavoro, o la città, o il gioco. Altrimenti si starebbe sempre tra topi della stessa famiglia e dopo un po’ non rimarrebbe nulla da dire. E la sera si finirebbe zitti, ognuno a guardare i pezzettini di formaggio che galleggiano nella propria minestra.

In una famiglia di topi ci si sveglia presto e ci si da il bacio del buongiorno e si fa una bella colazione insieme.

In una famiglia di topi si legge sempre una storia prima di addormentarsi per far correre i pensieri liberi…

E non ci si dimentica mai, ma proprio mai il bacio della buonanotte.

Se il libro vi piace, lo trovate qui (insieme ad altri bellissimi albi firmati Topipittori):

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *