Sono il più grande: il coniglio Simone e Pappamolla che cresce

Chi è bismamma sa quanti conflitti si generano in una casa abitata da due esserini di diverse età che si contendono sempre tutto, dal gioco, al libro, al piatto più bello, al water. Non è facile gestirli, non è facile decidere chi ha ragione e chi ha torto perché spesso hanno ragione entrambi, perché entrambi anelerebbero un po’ di tranquillità, o di spazio, o di silenzio, o di attenzioni. Essere bismamma è un po’ come fare da arbitro. Io di solito non mi metto in mezzo, non mi piace dare ragione all’uno o all’altro, cerco di fare in modo che se la risolvano da soli. Il problema vero è che spesso i momenti di tensione, siamo proprio noi genitori a crearli, seppur involontariamente.

Una parola di apprezzamento per l’uno, una rimprovero per l’altro e si innesca una spirale di tensione che esplode quasi sempre con la litigata tra i due. Essere genitori e mantenersi neutrali ed equilibrati in senso affettivo è difficilissimo. Io sono bismamma da 3 anni e posso dirvi che è come camminare su un filo, l’equilibrio è sottilissimo, l’errore, dietro l’angolo. Che poi dipende anche da che figli hai, certo, dalla loro sensibilità, da quanto sono legati alla mamma, da quanto sono abituati ad avervi in modo esclusivo e tanto tanto altro…

Sono il più grande coniglio Simone

Ma sto divagando. Quello che volevo raccontarvi è il nuovo libro di Stephanie Blake, un nuovo libro della saga del coniglio Simone, quello di Caccapupù e Pappamolla, per citare i più famosi! In questo nuovo libro succede che la mamma del coniglio Simone che come se non ci fossero già abbastanza conflitti tra Simone e Gaspare, il Pappamolla, un bel giorno decide di misurare i figli, sul metro a muro e comunica ai due l’esito della misurazione: Simone è cresciuto di 1 cm, ma il Pappamolla di ben 3 cm.

Sono il più grande coniglio Simone 2

Simone va su tutte le furie, come è potuto succedere? E così comincia ad arrabbiarsi per le porzioni a tavola, temendo che quelle del fratellino siano più grandi delle sue

Sono il più grande coniglio Simone 3

e mandato in camera in punizione non si trattiene e con una vocina piccola piccola “Ti odio, Pappamolla!”

Sono il più grande coniglio Simone 5

E quando poi nel pomeriggio al parco, la mamma lo incarica di controllare il fratellino, lui invece se ne libera appena la mamma si distrae con un “Smamma Pappamolla” che la dice lunga sulle sue intenzioni.

E così mentre il fratellino vaga per il parco, il coniglio Simone a calcio gioca con i suoi amici, gioca, segna…

ma all’improvviso si accorge che qualcuno sta infastidendo il suo fratellino, è un bullo della sua scuola.

Sono il più grande coniglio Simone 4

E se il primo pensiero è “Ben gli sta!”

Qualche secondo dopo però, Simone sente il cuore battere forte forte. Diventa tutto rosso. Nessuno può toccare il SUO fratellino!!!

Sono il più grande coniglio Simone 6

Gaspare è troppo contento! “Sei TLOPPO folte!”

“E’ normale, Pappamolla! Sono il più GRANDE!”

Un libro divertente, alla maniera di Stephanie Blake, con un nuovo tormentone tutto da sperimentare “Ma, va là” è la parola d’ordine in questo libro che come sempre, col sorriso sulle labbra, fa riflettere sui temi della gelosia, del bisogno di attenzioni, di rassicurazioni, di sentirsi riconosciuti per quello che si è!

Buona lettura e buone risate! Ma va là!

Se il libro ti piace, puoi acquistarlo qui:

10 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *