#AmoLeggerti: intervista a Micaela

La mia ospite di oggi per #AmoLeggerti è un’amica speciale e una mamma speciale: è Micaela di Le M Cronache. Per chi non la conoscesse, Micaela è una persona solare, vitale, energica e ottimista, una persona che ti contagia col suo vedere sempre il lato bello della vita! Insieme stiamo costruendo qualcosa di bello, insieme ogni giorno siamo mamme che lavorano e provano a sorridere alla vita e della vita nonostante i mille impegni e incastri miracolosi da compiere.

Ospitarla per me è una gioia, un piacere..

Benvenuta Micky, raccontaci quali sono le occasioni di lettura con i tuoi bambini?
Se dessi retta a loro, qualsiasi circostanza sarebbe quella giusta, soprattutto per Miriam. Ma il nostro momento della lettura è la sera, prima di andare a dormire.

Avete dei rituali tipo la lettura della buonanotte?
Sì, e lo sai!
Quando si spegne la televisione, generalmente dopo il telegiornale, le bimbe sanno che devono andare a selezionare la loro lettura della buonanotte, ma io so già a quale libro puntano, anche se a volte sanno sorprendermi, come quando scelgono di leggere libri sul Natale a ferragosto oppure quando vogliono sfogliare i miei libri di cucina… roba da matti! Come si fa a raccontare una ricetta senza ridere!? Così poi, più che il rituale della buonanotte, diventa il rituale della stupidera e a chi ride di più!

amoleggerti

 A che età hai iniziato a leggere libri ai tuoi bambini?

Non me lo ricordo di preciso, forse intorno l’anno di vita, o forse un po’ più tardi… ma roba di poco. A Massimo, ad esempio (2 anni), ancora non riesco a leggere molto, non ha la pazienza di stare affianco a me ad ascoltare, o anche solo a guardare le figure… anzi, ora che ci penso, proprio ieri sera sono riuscita a leggergli per la prima volta un libricino intero: un librottino sui barbapapà, che a lui piacciono tanto.

Che età hanno ora e qual è il loro libro preferito?
Miriam, 5 anni, ha il suo “tomo” sulle storie di cavalli: una raccolta di storie tra mito, favola e storia vera di cavalli famosi (pegaso, furia, … ). Ogni sera vuole che le legga un capitolo.
Melania adora Topo Tip in tutte le salse e, in base al suo umore, ne sceglie uno a piacere.

A Massimo piace vedere e rivedere soltanto alcune pagine di alcuni libri scelti ad hoc: un libro che parla di Saetta di Cars, che cade in mezzo ai cactus, gli piace da matti, oppure uno dei libri che raccontano le avventure di Winnie the Pooh, ed esattamente il pezzo in cui Pooh si arrampica su un albero per raggiungere il miele e poi precipita. Insomma… deve sempre finire che qualcuno cade!

 Quali sono le caratteristiche che un libro per bambini deve avere perché tu lo definisca un bel libro?

Deve avere una storia che li sorprenda, una storia che non sia scontata, che parli anche della vita di tutti i giorni, in cui loro riescono ad immedesimarsi più facilmente, il tutto deve essere fatto con semplicità, esattamente come vogliono i bambini. Niente arzigogoli. Non importa se c’è una morale, oppure no, la lettura è godimento in se stesso, se poi c’è una morale fruibile o meno, è secondario.

Quali sono secondo te i benefici della lettura ad alta voce?

Tanti: arricchimento del vocabolario, stimolo della fantasia, è il nostro momento dei “Perché?”… ma soprattutto, è un momento di intimità e di sintonia tra noi.

Ultimamente è Marco che cura la lettura della buonanotte, perché il piccoletto mi assorbe troppo, e ho notato che alle bimbe piace un sacco, forse anche di più, sarà perché non sempre riesce ad avere dei momenti esclusivi solo con loro… e così, loro, esauste, dopo le prime pagine crollano… e sento lui che continua a leggere, a bassa voce, sfogliando le pagine, mi affaccio nella stanzetta e gli faccio segno che dormono, ma lui continua, perché vuole vedere come va a finire la storia!

 letturadellabuonanotte

La tua ricetta per trasmettere ai bambini l’amore per la lettura?

Dare l’esempio. Leggere noi per primi. Per i bambini diventerà così un’abitudine: come mangiare, o vestirsi o lavarsi i denti.

Grazie Micaela per questa bellissima intervista!

Spero che vi sia piaciuta e vi aspetto la settimana prossima con un’altra splendida mamma!

Se anche voi siete mamme che amano leggere ai bambini potete candidarvi per essere protagonisti della rubrica AmoLeggerti, scrivendomi all’indirizzo mammamogliedonna@hotmail.it e se volete prelevare il banner ed esporlo sul vostro blog linkando il post che spiega chi sono le mamme che AmoLeggerti

AmoLeggerti

Qui trovate le altre interviste alle mamme che amano leggere ai bambini

Potrebbero interessarvi:

Le più belle librerie per bambini del mondo
L’angolo lettura per i bambini
10 buoni motivi per non leggere ai bambini (ovviamente con tanta ironia!)
10 buone ragioni per abituare i bambini alla lettura della buonanotte

5 Comments

  • twinsbimamma ha detto:

    devo trovare un pò di tempo….e la sera purtroppo arrivando a ridosso della cena ne trovo ben poco ma adesso che i bimbi cominciano a leggere da soli vorrei incentivarli un pò anche se poi mi scontro con richieste diverse e coccolle da entrambi nello stesso momento (letto a castello) :O ..

    brave mamme lettrici….vi invidio un pochino.. 🙁 ..
    però ho una libreria molto vasta e prima o poi conto di leggerli tutti e insieme a loro… e se proprio non riesco a finirli cerco comunque di aprire i libri quando capita l’occasione di un riferimento a fatto, immagine od altro per far capire loro come approfondire una argomento sfogliando i libri…baci grandi

  • serena ha detto:

    care mamme blogger vi adoro, grazie ai miei bimbi e grazie a voi ho scoperto questa mia nuova passione e per questo non so proprio come ringraziarvi, vi seguo sempre e siete mamme d’esempio per me, un abbraccio!

  • serena ha detto:

    a tutte e due naturalmente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *