Cosa fare a Genova con i bambini oltre l’Acquario. Genova More Than This

Cosa fare a Genova con i bambini oltre l’Acquario

Da quando frequento Genova per lavoro ho avuto modo di apprezzare una città che a molti può sembrare ostica e probabilmente al primo contatto lo è, ma che se riesci a conoscerla meglio, se riesci ad avvicinarla davvero, scopri bella, ospitale e ricca, nella sua semplicità, orgogliosa con ragione.

Ho scoperto che Genova è ben più che l’acquario e offre tanto ai suoi abitanti come ai turisti. Ecco perché ho deciso di raccontarvela, di portarvi con me per le vie della città

Piazza de Ferrari

La prima tappa è sicuramente piazza de Ferrari. La fontana piacerà moltissimo ai bambini, i miei si son divertiti a farne più volte il giro, cercando di contare le fontanelle… ovviamente il conto non tornava mai. Voi sapete quante sono? La fontana viene spesso illuminata in modo che i giochi d’acqua diventino colorati: uno spettacolo nello spettacolo.

Se andate in questo periodo, fate ancora in tempo a vedere la mostra di Modigliani, a Palazzo Ducale.

Pasticceria Douce

Scendendo verso piazza Matteotti, incontrerete la pasticceria Douce, del maître-pâtissier Michel Paquier, tappa imperdibile. Io ci sono legata in particolar modo perché da li veniva la mia torta di compleanno dello scorso anno… il più romantico della mia vita, con cena a Boccadasse e torta a sorpresa, al pistacchio, proveniente proprio da qui.

Focaccia

Portateli a comprare la focaccia…  qui eravamo in vico Casana, diretti all’Antico Forno che però era chiuso.

L’abbiamo presa nei vicoli… Buonissima , come sempre.

Porta Soprana

Abbiamo fatto una passeggiata verso Porta Soprana, i bambini erano affascinati dalle torri di Sant’Andrea. Se volete incantarli con le storie del tempo, Miss Fletcher ha scritto un articolo su i segreti di porta soprana

E se non volete mangiare al ristorante, noi abbiamo trovato al porto antico una manifestazione di street food, che non so se è temporanea, ma non dava l’idea di esserlo, in cui abbiamo approfittato della presenza di per mangiare buonissime acciughe fritte e panissa. I bambini hanno adorato sia le une che l’altra. La prossima volta però li porto nei vicoli a mangiare torte di verdure.

Pesto

Prima di lasciare Genova, fate tappa al Porto Antico per portarvi a casa un souvenir davvero imperdibile: il pesto Rossi  di Roberto Panizza, di cui prima o poi vi parlerò diffusamente dal suo ristorante, Il Genovese. Nel chiosco trovate pesto, pasta fresca, patatine al pesto… e bellissimi souvenir. 

Vi è piaciuta questa prima passeggiata nella città di Genova?

Vi racconterò di più la prossima volta.

Qui trovate i miei consigli per visitare l’Acquario di Genova con i bambini.

Se invece vi va di seguirci sui social, quando siamo a Genova, l’hashtag da cercare su Instagram e Facebook è #ThefamilygoestoGenova.

2 Comments

  • Laura ha detto:

    Ciao Federica,
    ho deciso: in autunno si va a Genova un weekend. Ti dirò, ci sono stata per lavoro, non mi ha mai entusiasmato, ma il tuo racconto mi ingolosisce (ebbene parlami di pesto, panissa, acciughe fritte… e io accorro). Quindi quest’autunno tutti all’acquario!
    Ti ho mai detto che i tuoi bimbi sono bellissimi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *